LE PIANTE HANNO UN’ANIMA? A volte una pianta sogna di volare …


Il sogno di volare …. delle Piante

Un’interfaccia bioelettronica  permette ad una pianta di “controllare  una body extension che le permette di volare … per …  “SOCIALIZZARE’ CON L’UOMO”

The Dream of  flying

TOTAL RECALL\ARS ELECTRONICA | 2013,  LIENZ 

Un’interfaccia bioelettronica  permette ad una pianta di “controllare” una body extension che le permette di volare.
L’interfaccia misura l’attività elettrica della pianta e usa i dati per guidare il volo.

La pianta, così, diventa un “sensore” dell’ambiente che lo circonda  ed “attore” di una performance artistica,  creando  un sistema aperto in cui i visitatori e l’ambiente partecipano attivamente nell’influenzare il movimento che osservano.

E’ il 2013 e sto visitando incantato gli esperimenti e le installazioni di Arte Elettronica che visionari ed artisti presentano all’evento mondiale  Ars Eelectronica promosso dall’Università di Lienz che si tiene ogni anno, dal 1979, in questa Città. Sei anni prima una studentessa in Scienze della Comunicazione mi fece da assistente sul campo nella ricerca applicata che stavamo svolgendo per la Provincia di Napoli e l’Università Suor Orsola Benincasa per definire la nuova figura professionale di “Mediatore della Cultura Digitale”. Mentre mi trovo nel padiglione dedicato al rapporto tra Arte e Scienza , mi sono sentito chiamare. Era quella studentessa, mi abbraccia ed inizia a raccontarmi la sua storia da quando era finita la collaborazione. Mi dice che dopo le nostre attività di ricerca si era appassionata particolarmente allo studio della Cultura digitale e, dopo la laurea,  era andata a specializzarsi alla Linz University – una istituzione particolarmente esperta in Cultura digitale e Media Arts –  dove  si era avvicinata all’Arte elettronica. Mi spiega che, rimasta in Austria, diventa ricercatrice con particolare riferimento al Rapporto tra  Arte e Scienza,  e che in questa edizione stava presentando appunto la sintesi della sua ricerca presentando la sua opera.

La sua installazione, a cavallo tra arte e scienza, è un esperimento di comunicazione tra una pianta e un drone: un lavoro in forma di performance e di installazione, risultato della sua ricerca in quest’ambito, cercando di dimostrare che sussisiste una sorta d’Interattività tra le Piante e l’Uomo.


L’opera nasce all’interno dell”Interface Culture Lab:  uno spazio di ricerca multidisciplinare nato all’interno dell’Università d’Arte e Design di Linz. Fondato nel 2004 da Christa Sommerer e Laurent Mignonneau, due artisti universalmente riconosciuti quali pioneri dell’arte interattiva, coadiuvati da Martin Kaltenbrunner (cofondatore del sistema Reactable) dirigono questo spazio dedicato alla ricerca nell’intersezione tra arte e tecnologia, con una particolare attenzione agli sviluppi del concetto di interattività nelle sue più svariate forme.


Nonostante stesse presentando una sua installazione, tuttavia, la ragazza non mi sembrava molto convinta. Le chiesi: “…, ma la tua teoria vuole dimostrare con questa installazione che le piante riescono a percepire l’EMPATIA dell’Uomo nei loro confronti?”; mi rispose: “Si, durante le mie prove in laboratorio ho riscontrato che sembra funzionare, ma qui sembra proprio di no …”.

Ed io ” … , la maggioranza delle persone è scettica, non crede nella ‘Grande Connessione’, altrimenti oggi avremmo un mondo migliore” … e mentre parlavo mi apprestavo ad avvicinarmi alla pianta che volteggiava nella stanza sul ‘Suo Drone’ … mentre discutevo con lei ci accorgemmo che ogni volta che tendevo verso la ‘pianta volante’, questa tendeva nel suo volo verso di me … “per favore lascia il tuo pc…”, ma lo stesso la pianta continuava a tendere sospesa in aria verso di me … “… hai visto, io ci credo e la pianta lo sa


BULLY A PLANT, un esperimento in due negozi IKEA con migliaia di bambini in età scolare, per contribuire a sensibilizzare il pubblico riguardo agli studi sull’Empatia nei confronti delle Piante.  L’esperimento dal vivo ha coinvolto IKEA , dove in due suoi negozi, in Medio Oriente, una pianta è stata nutrita di complimenti e parole di incoraggiamento, mentre un’altra è stata vittima di bullismo verbale con parole odiose. Gli studenti sono stati incoraggiati a registrare le proprie voci per condividere il loro amore con la prima pianta, mentre l’altra parole veniva sottoposta a continue critiche, l’esperimento è stato condotto sia in presenza fisica che attraverso l’interazione con i social media.  Mentre la pianta che era stata sottoposta a continue parole di compiacimento continuava a prosperare, la pianta vittima di bullismo si mostrava visibilmente in difficoltà, appassita le foglie cadenti. Entrambe le piante sono state trattate rigorosamente allo stesso modo per 30 giorni: con la stessa quantità d’acqua, giornalmente esposte alla stessa luce solare, e fertilizzate alla stessa maniera. L’unica differenza consisteva nelle parole e nei modi con cui le piante venivano ‘trattate’ dai bambini. Alla fine dell’esperimento, dopo 30 giorni, i risultati impressionanti parlavano da soli.

(post updated 2019/07/07)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: