TRAPPOLE COGNITIVE (parte 1)

A tutti noi piace credere di essere razionali e logici, la verità però consiste nel fatto che siamo costantemente sotto l’influenza di molti pregiudizi cognitivi che distorcono il nostro pensiero, influenzano le nostre credenze ed orientano le decisioni e i giudizi che prendiamo ogni giorno. A volte questi pregiudizi sono abbastanza ovvi ,e forse ci accorgiamo di saper riconoscere se siamo, o crediamo di non essere, predisposti a farci ‘intrappolare’ da questi. Tuttavia altri, forse la maggior parte, sono fenomeni così sottili che sono quasi impossibili da notare. Poiché la nostra attenzione è una risorsa limitata, noi, uomini comuni, non possiamo pensare assolutamente di poter valutare ogni possibile dettaglio ed evento che contribuisce a formare i nostri pensieri e le nostre opinioni, lasciando ampio spazio affinché molti di questi pregiudizi entrino nei nostri processi di pensiero, influenzando inevitabilmente le nostre decisioni

Continua a leggere “TRAPPOLE COGNITIVE (parte 1)”

l’ORSO POLARE che ANNEGA, NON è AFFAR NOSTRO …(Collasso parte 3)

Il recente intervento di Greta Thunberg all’ONU sembra aver ridestato le menti di tante persone a livello globale, ma molte di queste sembrano essere affette da alcune “BARRIERE COGNITIVE” nei confronti del disperato richiamo all’ATTENZIONE per l’AMBIENTE promulgato dalla ragazzina svedese con il suo discorso alla assemblea generale.  

Continua a leggere “l’ORSO POLARE che ANNEGA, NON è AFFAR NOSTRO …(Collasso parte 3)”

Le nuove tecnologie per la cura della Demenza negli Anziani

Come il segmento della popolazione over 65 anni continua a crescere, così  il numero di persone con demenza aumenta in modo proporzionale, evidenziando la necessità di progettare terapie che soddisfino i bisogni sociali ed emotivi delle persone anziane. La Terapia della Reminiscenza è una metodologia d’intervento non farmacologico che implica il richiamo di memorie passate, utilizzando particolari situazioni ambientali, artefatti scenografici, oggetti o Contenuti (come ad esempio vecchie fotografie, musica vintage o programmi televisivi d’epoca) per scopi terapeutici benefici quali ad esempio la facilitazione delle interazioni sociali o l’aumento dell’autostima. E’ in questo quadro di riferimento che si sta iniziando a capire che anche in questo campo le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (I.T.C.) e le tecnologie creative digitali si possono rivelare potenziali strumenti per sostenere l’erogazione di tali terapie a larghe fasce di popolazione. Continua a leggere “Le nuove tecnologie per la cura della Demenza negli Anziani”

Blog su WordPress.com.

Su ↑