L’invasione russa dell’Ucraina. Parte II: Il dominio mentale e morale – Documento 22 dei Maneuverist.


Gli argomenti della ricerca nel campo delle scienze cognitive e comportamentali, che mi ispirano largamente nella scrittura del mio blog, investono ovviamente anche il dominio militare. Nel giugno 2021 la NATO ha tenuto in Francia il primo simposio sul tema: ‘Cognitive Warfare’: The Advent of the Concept of Cognitics in the Field of Warfare, sebbene già il filosofo generale cinese Sun Tzu oltre 25 secoli fa scrisse il manuale l’Arte della Guerra descrivendo molteplici aspetti che si potrebbero ricondurre al tema in questione.

Ovviamente, da quando è scoppiato il drammatico conflitto in Ucraina, ho iniziato a seguire le vicende e la letteratura di riferimento con particolare interesse, in particolare per quanto concerne le azioni di propaganda mosse sia da una parte che dall’altra coinvolte. Ed ecco che oggi mi sono imbattuto in questo recentissimo articolo, che ho tradotto ed adattato, che confuta quanto invece ci è stato descritto dalla maggioranza di esperti, sia militari che civili, che fino ad ora riferiscono sulla presunta incapacità delle forze militari russe.

Questo articolo è apparso originariamente nel numero di agosto 2022 della Marine Corps Gazette . 

L’articolo è stato scritto da un assiduo collaboratore anonimo che si firma con l’alias Marinus, che è solito con le sue riflessioni sollevare putiferio tra la comunità militare degli Stati Uniti. Sono molte le speculazioni – per nulla confermate in modo definitivo – che Marinus non sia altro che il Generale d’Armata in pensione dell’US Marine Corps Paul K. Van Riper, un militare-mito a lungo venerato da molti marines e un importante sostenitore del pensiero militare chiamato dei “Maneuverist (i Manovratori)  – una scuola di pensiero strategico militare fortemente influenzato dagli studi, le teorie e il lavoro del noto stratega militare John R. Boyd .

Il generale Van Riper fu l’iconico comandante della Squadra Rossa nel Millennium Challenge 2002 (MC02): la nota  esercitazione di guerra condotta dalle forze armate degli Stati Uniti nella metà del 2002. Van Riper salì alla ribalta anche negli ambienti non militari, perchè durante queste esercitazioni le forze militari al suo comando (che furono modellate durante questi Games Warfare sulle capacità militari iraniane dell’epoca) furono talmente efficienti da affondare l’intera flotta navale statunitense nel Golfo Persico, dimostrando l’inefficienza dei metodi di pianificatori di guerra che basano le loro capacità tattiche e strategiche esclusivamente su rigidi calcoli. 

Come ci insegnano i metodi di analisi di alcune efficienti agenzie d’intelligence militare, l’opinione di un Decimo Uomo appare necessaria nell’analisi di fatti di guerra. Infatti, come ci fanno notare alcuni esperti fuori dal coro, che Marinus sia Van Riper o sia semplicemente qualche altro perspicace ex ufficiale di marina non è in ultima analisi probabilmente così importante. Ciò che è importante è che le sue osservazioni e percezioni del conflitto in corso in Ucraina siano lucide, illuminanti e non contaminate dal dilagante pregiudizio anti-russo che sembra aver reso cieco la maggior parte degli analisti occidentali sia sulle cause sottostanti l’inizio del conflitto che poi sul proseguimento della guerra in Ucraina.
John Mearsheimer uno dei maggiori studiosi al mondo della logica di potenza nel  suo articolo “Ucraina, i rischi sottovalutati di una escalation catastrofica”, pubblicato lo scorso 17 Agosto da Foreign Affairs, riferendosi anche all’articolo qui sotto, dichiara: “l’interpretazione della volontà del nemico, e l’interpretazione dei fatti militari sul campo, sono sempre dubbie, soggette all’errore, e provocano reazioni, sviluppi, conseguenze imprevedibili e molto difficili da controllare ..”

Le osservazioni di Marinus contenute nell’articolo qui sotto, se corrette, dovrebbero essere condivise in lungo e in largo. Anche allo scopo di servire l’interesse pubblico dell’uomo comune in questa era di social media spesso controllata da una propaganda monotematica.

L’invasione russa dell’Ucraina. Parte II: Il dominio mentale e morale 

(Documento dei Manovristi n. 22 – pubblicato su Marine Corps Gazette , Agosto 2022 )

Se considerate come fenomeni puramente fisici, le operazioni condotte dalle forze di terra russe in Ucraina nel 2022 presentano un quadro sconcertante. Nel nord dell’Ucraina, i gruppi tattici del battaglione russo hanno invaso gran parte del territorio,  ma non hanno tentato di convertire l’occupazione temporanea in un possesso permanente. Infatti, dopo aver trascorso cinque settimane in quella regione, se ne andarono rapidamente così  come erano arrivati. 

Nel sud, l’ingresso altrettanto rapido delle forze di terra russe portò alla veloce istituzione di guarnigioni russe e all’inizio precoce della costruzione d’istituzioni politiche, economiche e culturali russe. Invece, nel terzo teatro della guerra, raramente si sono verificati rapidi movimenti del tipo che hanno caratterizzato le operazioni russe sul fronte settentrionale e meridionale. 

Dunque, un modo per tentare di fare un po’ di luce su questo enigma è nel trattare le operazioni russe su ciascuno dei tre principali fronti della guerra in Ucraina come ogni una fosse una campagna distinta dalle altre. 

Un’ulteriore illuminazione ci può essere fornita dalla consapevolezza che ciascuna di queste campagne ha seguito un modello che faceva parte del repertorio operativo russo già da molto tempo. Tale schema, tuttavia, non riesce a spiegare il perché la leadership russa abbia applicato modelli particolari ad una serie di operazioni particolari. Per risolvere a questa domanda ci richiede un esame degli scopi mentali e morali perseguiti da ciascuna di queste tre campagne.

Raid al nord

I marines americani hanno usato a lungo il termine ‘raid’ per descrivere un’impresa in cui una piccola forza si sposta rapidamente in un luogo particolare, completa una missione in modo discreto e si ritira il più rapidamente possibile. [1]  

Per i soldati russi, tuttavia, il cugino linguistico della parola raid è reyd, che  ha un significato un po’ diverso. Laddove la missione effettuata dalla squadra che conduce un raid non è altro che un mezzo per raggiungere punti particolari sulla mappa, il movimento delle forze spesso più grandi che conducono un reyd crea significativi effetti operativi. 

Cioè, mentre si spostano lungo varie autostrade e strade secondarie, confondono i comandanti nemici, interrompono la logistica nemica e privano i governi nemici della legittimità che deriva dal controllo incontrastato del proprio territorio. Allo stesso modo, dove ogni fase di un raid americano di oggi segue necessariamente un copione dettagliato, un reyd (russo n.d.r) è un’impresa più aperta che può essere adattata per sfruttare nuove opportunità, evitare nuovi pericoli o servire a nuovi scopi.

Il termine reyd ha trovato la sua strada nel lessico militare russo alla fine del 19° secolo in seguito a dei teorici di strategia che hanno notato le somiglianze tra le operazioni di cavalleria indipendente della guerra civile americana e la già consolidata pratica russa di inviare colonne mobili, spesso composte da cosacchi , in lunghe escursioni attraverso il territorio nemico. [2]

Un primo esempio di tali escursioni militari è fornito dalle gesta della colonna guidata da Alexander Chernyshev durante le guerre napoleoniche. Nel settembre del 1813, questa forza, composta da circa 2.300 cavalieri e due cannoni da campo leggeri, fece un circuito di 400 miglia attraverso il territorio nemico. A metà di questa ardita impresa, questa colonna occupò, per due giorni, la città di Kassel, fungendo allora da capitale di uno degli stati satelliti dell’Impero francese. La paura di una ripetizione di questo imbarazzante evento convinse Napoleone a dettagliare due corpi d’armata per presidiare Dresda, allora sede del governo di un’altra delle sue dipendenze. [3]  Di conseguenza, quando Napoleone incontrò le forze combinate dei suoi nemici nella battaglia di Lipsia , l’inferiorità numerica della sua Grande Armée divenne molto più significativa di quanto sarebbe stato altrimenti.

Nel 2022, i numerosi gruppi tattici di battaglione che si sono spostati in profondità nell’Ucraina settentrionale durante i primi giorni dell’invasione russa non hanno tentato di rievocare l’occupazione di Lipsia. Piuttosto, si sono mossi aggirando tutte le città più grandi sul loro cammino e, nelle rare occasioni in cui si trovavano in una città più piccola, l’occupazione raramente durava più di poche ore. Tuttavia, le colonne russe in rapido movimento hanno creato, su scala molto più ampia, un effetto simile a quello che risultò dall’incursione di Chernyshev del 1813. Cioè, convinsero gli ucraini a indebolire il loro principale esercito da campo, combattendo poi nella regione del Donbass, per rafforzare le difese di città lontane.

La rapida occupazione nel sud

In termini di velocità e di distanza percorsa, le operazioni russe nell’area tra la costa meridionale dell’Ucraina e il fiume Dnipro assomigliavano alle incursioni condotte nel nord. Hanno differito, piuttosto, nella gestione delle città. Laddove le colonne russe su entrambi i lati di Kiev andavano evitando le grandi aree urbane ogni volta che potevano, le loro controparti nel sud hanno preso permanentemente possesso di città simili. In alcuni casi, come nel caso della manovra nave-obiettivo iniziata nel Mar d’Azov e terminata a Melitopol, la conquista di città è avvenuta già durante i primi giorni dell’invasione russa. In altri casi, come per la città di Skadovsk, i russi hanno aspettato diverse settimane prima di occupare aree ed ingaggiare le forze di difesa locali che avevano ignorato durante la loro avanzata iniziale.

Subito dopo il loro arrivo, i comandanti russi che hanno preso il comando delle aree urbane del sud, hanno seguito la stessa politica dei loro omologhi del nord. Cioè, hanno permesso ai rappresentanti locali dello stato ucraino di svolgere le loro funzioni e, in molti casi, di continuare a sventolare la bandiera del loro paese sugli edifici pubblici. [4]  Non passò molto tempo, tuttavia, prima che i funzionari russi prendessero il controllo dei governi locali, sostituendo le bandiere sugli edifici e avviando la sostituzione delle istituzioni ucraine, siano banche o compagnie di telefonia cellulare, con quelle russe. [5] 

Come il modello del reyd, il paradigma delle campagne che combinano una rapida occupazione militare con una profonda trasformazione politica, fanno parte della cultura militare russa già da molto tempo. Pertanto, quando hanno spiegato il concetto per le operazioni condotte sul fronte meridionale, i comandanti russi sono stati in grado di indicare una qualsiasi delle numerose imprese simili condotte dallo stato sovietico nei quattro decenni successivi all’occupazione sovietica della Polonia orientale nel 1939. Questi esempi includevano la conquista dei paesi di Estonia, Lettonia e Lituania nel 1940, la soppressione dei governi riformisti in Ungheria e Cecoslovacchia durante la Guerra Fredda e l’invasione dell’Afghanistan nel 1979. [6]

Mentre alcune formazioni russe nel sud hanno consolidato il controllo sul territorio conquistato, altre hanno condotto incursioni nelle vicinanze della città di Mykolaiv. Come le loro controparti più grandi sul fronte settentrionale, questi eventi hanno incoraggiato la leadership ucraina a dedicarsi alla difesa delle forze cittadine che altrimenti avrebbero potuto essere utilizzate nella lotta per la regione del Donbass. (In questo caso, le città in questione includevano i porti di Mykolaiv e Odessa.) Allo stesso tempo, le incursioni nella parte settentrionale del fronte meridionale hanno creato un’ampia “terra di nessuno” tra le aree che erano state occupate dalle forze russe e quelli interamente sotto il controllo del governo ucraino.

La Stalingrado in Oriente

Le operazioni russe nel nord e nel sud dell’Ucraina hanno utilizzato pochissimo l’artiglieria da campo. Questo è stato dovuto in parte per una questione di logistica. Sia che facessero incursioni nel nord o occupassero rapidamente territori nel sud, le colonne russe non avevano a disposizione i mezzi, la logistica, per movimentare un gran numero di proiettili e di razzi. L’assenza di cannoneggiamenti, d’impiego dell’artiglieria,  in quelle campagne, tuttavia, ha avuto più a che fare con i fini che con i mezzi. Nel nord, la riluttanza russa a condurre bombardamenti derivava dal desiderio di evitare di inimicarsi la popolazione locale, la cui quasi totalità, per motivi linguistici ed etnici, tende a sostenere lo stato ucraino. Nel sud, la politica russa di evitare l’uso dell’artiglieria da campo ha servito allo stesso scopo politico, per preservare le vite e le proprietà delle comunità in cui molte persone sono identificate come “russe” e molte altre parlanti il russo come lingua madre.

Ad est, invece, i russi hanno effettuato bombardamenti che, sia per durata che per intensità, hanno rivaleggiato con quelli delle grandi gare di artiglieria delle guerre mondiali del Novecento. Resi possibili da linee di rifornimento brevi, sicure e straordinariamente ridondanti, questi bombardamenti sono serviti a tre scopi. In primo luogo, hanno confinato le truppe ucraine nelle loro fortificazioni, privandole della capacità di fare qualsiasi cosa se non di rimanere sul posto. In secondo luogo, hanno inflitto un gran numero di vittime, fisiche o morali a causa dagli effetti psicologici della reclusione, dell’impotenza e della vicinanza ad un gran numero di esplosioni sconvolgenti. Terzo, quando condotto per un periodo di tempo sufficiente, che è stato spesso misurato in settimane, il bombardamento di una data fortificazione ha portato inevitabilmente o al ritiro dei suoi difensori o alla loro resa.

Possiamo avere un’idea della portata dei bombardamenti russi nell’est dell’Ucraina confrontando le azioni belliche per la città di Popasna (18 marzo – 7 maggio 2022) con la battaglia di Iwo Jima (19 febbraio – 26 marzo 1945). Iwo Jima, i marines americani hanno combattuto per cinque settimane per annientare i difensori di otto miglia quadrate di terreno abilmente fortificato. A Popasna, i cannonieri russi hanno bombardato i sistemi di trincea costruiti nelle creste e nei burroni di un’area simile per otto settimane prima che la leadership ucraina decidesse di ritirare le sue forze dalla città.

La cattura di beni immobili da parte delle azioni d’artiglieria, a sua volta, ha contribuito alla creazione di accerchiamenti che i russi chiamano “calderoni” (kotly). Molto della teoria militare russa è presa in prestito dalla tradizione tedesca della guerra di manovra: questo concetto si basa sull’idea del “calderone da battaglia” (Schlachtkessel). Tuttavia, mentre i tedeschi cercavano di creare e sfruttare i loro calderoni il più rapidamente possibile, i calderoni russi possono essere sia rapidi e sorprendenti, che lenti e apparentemente inevitabili. Infatti, le vincenti offensive sovietiche della seconda guerra mondiale, come quella che portò alla distruzione della sesta armata tedesca a Stalingrado, fecero ampio uso di calderoni di entrambi i tipi.

La libertà dal desiderio di creare calderoni il più rapidamente possibile ha sollevato i russi che combattevano nell’Ucraina orientale dalla necessità di mantenere un particolare pezzo di terreno. Pertanto, di fronte a un determinato attacco ucraino, i russi spesso ritiravano i loro carri armati e le unità di fanteria dal terreno conteso. In questo modo, entrambi hanno ridotto il pericolo per le proprie truppe e creato situazioni, per quanto brevi, in cui gli attaccanti ucraini hanno affrontato proiettili e razzi russi senza il beneficio di un riparo. Per mettere la spiegazione dei fatti  in un altro modo, i russi hanno considerato tali “bombardamenti bis” non solo come un uso accettabile efficace del munizionamento, ma anche come l’opportunità per infliggere ulteriori vittime mentre questi si impegnavano in un “cospicuo consumo” di munizioni di artiglieria.

Nella primavera del 1917, le forze tedesche sul fronte occidentale usarono tattiche simili per creare situazioni in cui le truppe francesi che avanzavano lungo i pendii posteriori delle creste appena catturate furono colte all’aperto dal fuoco dell’artiglieria da campo e delle mitragliatrici. L’effetto di questa esperienza sul morale francese fu tale che i fanti di cinquanta divisioni francesi si impegnarono in atti di “indisciplina collettiva”, il cui pensiero ricorrente fu “terremo, ma ci rifiutiamo di attaccare”. [7] (Sembra che l’effetto nel presente conflitto abbia prodotto lo stesso risultato n.d.r): nel maggio del 2022 sono apparsi su Internet diversi video in cui persone che affermavano di essere soldati ucraini che combattevano nella regione del Donbass affermavano che, pur essendo disposti a difendere le loro posizioni, avevano deciso di disobbedire a qualsiasi ordine che richiedesse loro di avanzare.

Risolvere il paradosso

Nei primi giorni del dibattito sulla guerra di manovra, i “Manovratori” hanno spesso presentato la loro filosofia militare preferita come l’opposto logico della “guerra di attrito e della potenza di fuoco” (guerra di Logoramento n.d.r.). Infatti, ancora nel 2013, gli autori anonimi delle “Lettere degli Attrizionisti” ( i sostenitori della guerra di logoramento n.d.r.) usavano questa dicotomia come cornice per la loro critica di pratiche in contrasto con lo spirito della guerra di manovra. Nelle campagne russe in Ucraina, tuttavia, una serie di operazioni fatte principalmente da movimento si è integrata a quella composta principalmente dai cannoni, la potenza di fuoco.

Un modo per risolvere questo apparente paradosso è caratterizzare le incursioni delle prime cinque settimane di guerra come un grande inganno che, pur agendo poco in termini di distruzione diretta, ha reso possibile il successivo logoramento delle forze armate ucraine. In particolare, la minaccia rappresentata dalle incursioni ha ritardato il movimento delle forze ucraine nel teatro principale della guerra fino a quando i russi non avessero schierato le unità di artiglieria, messo in sicurezza la rete di trasporto e accumulato le scorte di munizioni necessarie per condurre una lunga serie di grandi bombardamenti. Questo ritardo ha anche assicurato che, quando gli ucraini hanno schierato ulteriori formazioni nella regione del Donbass, il movimento di tali forze e i rifornimenti necessari per sostenerli fossero stati resi molto più difficili dalla rovina operata sulla rete ferroviaria ucraina già da tempo dai missili russi guidati a distanza.

Il netto contrasto tra i tipi di guerra condotta dalle forze russe in diverse parti dell’Ucraina ha rafforzato l’elaborazione del messaggio al centro delle operazioni d’informazioni russe. Fin dall’inizio, la propaganda russa ha insistito sul fatto che “l’operazione militare speciale” in Ucraina serviva a tre scopi:

  1. la protezione dei cittadini dei due proto-stati filorussi;
  2. la smilitarizzazione; e
  3. la denazificazione. 

Tutti e tre questi obiettivi richiedevano l’inflizione di pesanti perdite alle formazioni ucraine che combattevano nel Donbass. 

Il raggiungimento di nessuno di questi obiettivi, tuttavia, dipendeva dall’occupazione di parti dell’Ucraina in cui la stragrande maggioranza delle persone parlava la lingua ucraina, abbracciava l’identità etnica ucraina e quindi sosteneva lo stato ucraino. Infatti, l’occupazione prolungata di tali luoghi da parte delle forze russe avrebbe sostenuto la tesi che affermava che la Russia stesse cercando di conquistare tutta l’Ucraina.

La campagna di Russia nel sud serve gli obiettivi politici diretti. Cioè, è servito a incorporare territori abitati da un gran numero di russi etnici nel “mondo russo”. Allo stesso tempo, la rapida occupazione di città come Kherson e Melitopol ha accresciuto il potere ingannevole delle operazioni condotte nel nord suggerendo la possibilità che le colonne su entrambi i lati di Kiev potessero tentare di fare lo stesso con città come Chernihiv e Zhytomyr. Allo stesso modo, le incursioni condotte a nord di Kherson hanno sollevato la possibilità che i russi potessero tentare l’occupazione di altre città, la più importante delle quali era Odessa. [8] 

Missili guidati

Il programma russo di attacchi missilistici guidati, condotto parallelamente alle tre campagne di terra, ha creato una serie di effetti morali favorevoli allo sforzo bellico russo. Il più importante di questi consiste nell’evitare danni collaterali che derivassero, non solo dalla straordinaria precisione delle armi utilizzate, ma anche dalla scelta oculata dei bersagli. Pertanto, i nemici della Russia hanno avuto difficoltà a caratterizzare gli attacchi contro depositi di carburante e munizioni, che erano necessariamente situati ad una certa distanza dai luoghi in cui vivevano e lavoravano i civili, come qualcosa di diverso dagli attacchi alle installazioni militari.

Allo stesso modo, lo sforzo russo per interrompere il traffico sul sistema ferroviario ucraino avrebbe potuto includere attacchi contro le centrali elettriche che forniscono energia sia alle comunità civili che alla rete ferroviaria. Tali attacchi, tuttavia, avrebbero provocato molte perdite di vite umane tra le persone che lavoravano in quegli impianti e molte sofferenze in luoghi privi di potere statale. Invece, i russi hanno scelto di dirigere i loro missili verso le sottostazioni di trazione, i trasformatori remoti che hanno convertito l’elettricità dalla rete generale in forme utilizzate per spostare i treni. [9]

Ci sono stati errori, momenti, tuttavia, in cui attacchi missilistici contro strutture cosiddette a “doppio uso” hanno dato l’impressione che i russi avessero, in effetti, preso di mira strutture puramente civili. L’esempio più eclatante di tale errore è stato l’attacco, compiuto il 1° marzo 2022, alla torre principale della televisione a Kiev. Indipendentemente dal fatto che ci fosse o meno del vero nell’affermazione russa secondo cui la torre era stata utilizzata per scopi militari, l’attacco ad una struttura iconica che era stata a lungo associata ad uno scopo puramente civile ha contribuito molto per ridurre i vantaggi raggiungibili dalla politica di propaganda russa complessiva di limitare gli attacchi missilistici ad ovvi obiettivi militari.

La sfida

Le tre campagne di terra condotte dai russi in Ucraina nel 2022 devono molto ai modelli tradizionali. Allo stesso tempo, il programma di attacchi missilistici sfruttava una capacità a dir poco rivoluzionaria. Che fossero nuovi o vecchi, tuttavia, i componenti di questi sforzi sono stati condotti in un modo che ha dimostrato un profondo apprezzamento per tutti e tre i domini con cui vengono condotte le guerre. Cioè, i russi raramente dimenticano che, oltre ad essere una lotta fisica, la guerra è sia una sfida mentale che un argomento morale.

L’invasione russa dell’Ucraina potrebbe segnare l’inizio di una nuova guerra fredda, un confronto lungo ed una lotta crepuscolare paragonabile a quella che si è conclusa con il crollo dell’impero sovietico più di tre decenni fa. Se fosse così, allora ci troveremo di fronte un avversario che, pur traendo molto valore dalla tradizione militare sovietica, si è liberato sia dalla brutalità insita nell’eredità a matrice leniniana sia dai paraocchi imposti dal marxismo. 

Ciò che sarebbe ancora peggio è che potremmo trovarci a combattere i discepoli di John Boyd.


[1]  Corpo dei Marines del Quartier Generale, MCWP 3-43.1, Operazioni Raid (Washington, DC: 1993).

[2] Per la comprensione del concetto di “raid” da parte dell’esercito russo della fine del XIX secolo, si veda Karl Kraft von Hohenlobe-Ingelfingem (Neville Lloyd Walford, traduttore), Letters on Cavalry, (Londra: E. Stanford, 1893); e Frederick Chenevix Trench, Cavalry in Modern Wars, (Londra: Keegan, Paul, Trench, and Company, 1884).

[3] Per un breve resoconto del reyd, guidato da Alexander Chernyshev, vedere Michael Adams, Napoleon and Russia, (Londra: Bloomsbury, 2006).

[4] John Reed e Polina Ivanova, “Residents of Ukraine’s Fallen Cities Regroup under Russian Occupation”, The Financial Times, (marzo 2022), disponibile su https://www.ft.com .

[5] David M. Glantz, “Excerpts on Soviet 1938-40 Operations from The History of Warfare, Military Art, and Military Science, a 1977 Textbook of the Military Academy of the General Staff of the USSR Armed Forces”, The Journal of Studi militari slavi, (Milton Park: Routledge, marzo 1993).

[6] Il classico lavoro sugli ammutinamenti francesi del 1917 è Richard M. Watt, Dare Call It Treason, (New York, NY: Simon and Schuster, 1963).

[7] Michael Schwirtz, “Anxiety Grows in Odessa as Russians Advance in Southern Ukraine”, The New York Times, (marzo 2022), disponibile su https://www.nytimes.com .

[8] Staff, “La Russia bombarda cinque stazioni ferroviarie nell’Ucraina centrale e occidentale”, The Guardian, (aprile 2022), disponibile su https://www.the-guardian.com .

[9] Per un esempio delle molte storie che hanno caratterizzato l’attacco alla torre della televisione del 1 marzo 2022 come un attacco alle infrastrutture civili, vedere Abraham Mashie, “US Air Force Discusses Tactics with Ukrainian Air Force as Russian Advance Stalls”, Air Force Magazine, (marzo 2022), disponibile su https://www.airforcemag.com .


Articoli Correlati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: